PAUSA – CONSIDERAZIONI

Il detto comune secondo il quale l’ozio sarebbe il padre di tutti i vizi non rende giustizia all’attuale valore di questo modo di dire: c’è infatti un ozio, o per meglio dire un’apparente inattività, che nasconde in realtà un lavoro interiore di riflessione e maturazione del proprio pensiero quanto mai prezioso. Una modalità che oggi, purtroppo, abbiamo perso l’abitudine di coltivare.

 

PAUSA 4
Siamo immersi in una vita professionale frenetica e un ambiente caratterizzato da una costante pressione, che riduce continuamente il tempo per noi stessi e le possibilità di “respirare” ed “assaporare” il valore della pausa, del silenzio, del distacco e, soprattutto, della “disconnessione”.
Passiamo così le nostre giornate ad occuparci di ogni aspetto della nostra realtà, a provvedere a tutto, senza pero’ riuscire veramente a pensare a qualcosa. Senza riflettere, senza approfondire, senza ascoltarci.

PAUSA 6
Dobbiamo quindi cercare di riprenderci il nostro ozio, riconquistare il nostro diritto a fermarci per un attimo per mantenere il contatto con noi stessi e prenderci cura della nostra parte interiore, l’unica sulla quale possiamo veramente contare e che è perciò bene allenare e conservarla in forma.

 

(SEGUE….)


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.