Ripartire – Prevenzione di fenomeni di criminalità finanziaria connessi con l’emergenza da COVID-19

La UIF, Unità centrale nazionale con funzioni di contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, istituita presso la Banca d’Italia – ha pubblicato  lo scorso 16 aprile  il documento di “Prevenzione di fenomeni di criminalità finanziaria connessi all’emergenza Covid-19” (sotto riportato), nel quale viene evidenziato come nell’attuale momento storico sia “necessario operare in maniera coesa perché gli interventi pubblici raggiungano gli obiettivi prefissati, sostenendo effettivamente persone e imprese in difficoltà, prevenendo possibili effetti distorsivi e preservando l’integrità dell’economia legale. Si tratta di preoccupazioni già espresse da Istituzioni nazionali e Internazionali, rispetto alle quali l’apparato di prevenzione del riciclaggio può rappresentare uno strumento efficace perché, grazie alla sua capacità di coinvolgere l’intera struttura economica del Paese, è in grado di intervenire tempestivamente sulle operazioni in corso e non solo ad ausilio della fase di repressione dei reati , e in funzione di una “sensibilità” particolare nata con l’esperienza sul campo in questo “periodo storico. L’attuale situazione di emergenza sanitaria espone il sistema economico-finanziario a rilevanti rischi di comportamenti illeciti: sussiste il pericolo di truffe, di fenomeni corruttivi e di possibili manovre speculative anche a carattere internazionale; l’indebolimento economico di famiglie e imprese accresce i rischi di usura e può facilitare l’acquisizione diretta o indiretta delle aziende da parte delle organizzazioni criminali; gli interventi pubblici a sostegno della liquidità possono determinare tentativi di sviamento e appropriazione, anche mediante condotte collusive; il mutamento improvviso delle coordinate di relazione sociale aumenta l’esposizione di larghe fasce della popolazione al rischio di azioni illegali realizzate anche on line. In questo contesto è necessario operare in maniera coesa perché gli interventi pubblici raggiungano gli obiettivi prefissati, sostenendo effettivamente persone e imprese in difficoltà, prevenendo possibili effetti distorsivi e preservando l’integrità dell’economia legale. Si tratta di preoccupazioni già espresse da istituzioni nazionali e internazionali, rispetto alle quali l’apparato di prevenzione del riciclaggio può rappresentare uno strumento efficace perché, grazie alla sua capacità di coinvolgere l’intera struttura economica del Paese, è in grado di intervenire tempestivamente sulle operazioni in corso e non solo ad ausilio della fase di repressione dei reati. Agli intermediari, ai professionisti, agli altri operatori qualificati e alle Pubbliche amministrazioni, che sono parte attiva del sistema di prevenzione, è richiesto oggi un impegno particolare per calibrare i propri presidi antiriciclaggio nella maniera più efficace; occorre supportare adeguatamente il dispiegarsi dell’intervento di sostegno, ma anche intercettare e comunicare tempestivamente all’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia, ai sensi degli artt. 10 e 35 del d.lgs. 231/2007, tutte le situazioni sospette per consentire l’attivazione dei meccanismi di approfondimento e indagine”. Al fine, l’Autorità, di agevolare la collaborazione attiva, indica alcuni aspetti su cui i soggetti obbligati sono chiamati a prestare particolare attenzione e che sono richiamati nel testo ufficiale che si riporta di seguito:

Prevenzione di fenomeni di criminalità finanziaria connessi con l’emergenza da COVID-19

IURIVACONSULENZA è dunque disponibile con il proprio team di Professionisti a rivedere o prevedere ex novo i presidi antiriciclaggio che devono essere adottati dai soggetti obbligati nell’ottica ad oggi proposta dalla UIF e sopra riportata, ovvero ad essere di ausilio nell’interpretazione ed analisi delle condotte correlate all’emergenza potenzialmente oggetto di segnalazione ma di non immediata e semplice comprensione, che richiede una adeguata preparazione e aggiornamento costante in funzione di possibili nuove disposizioni in materia evidenziate dalla UIF.